Stendere il bucato: un gesto antico ma anche modernissimo

Chi in casa non ha almeno uno stendibiancheria? E non stiamo parlando solo di quelli che si poggiano a terra e che si usano in casa appoggiato su un tappetino raccogligocce o sul balcone ma anche quelli piccoli  che vengono appesi ai termosifoni o a quelli appesi a parte con cordino estraibile.

Impensabile infatti pensare di fare il bucato senza avere un modo per stendere i panni ad asciugare. Un gesto antico ma che oggi diventa motivo di ricerca del modello che meglio risponda alle nostre esigenze casalinghe. 

Sono infiniti i modelli di stendibiancheria che il mercato ci propone, e ormai anche qui da tempo è arrivata la tecnologia permettendoci di posizionare il bucato su stendini riscaldati, collocati al di sotto di tende dotate di bocchette per l’emissione di aria calda per una  asciugatura più rapida e naturale o laddove si voglia essere rapidissimi, ecco arrivare al posto dello stendino, l’asciugatrice elettrica con i suoi pro e contro. E questa grandissima varietà di scelta rende alla fine un po’ complicato scegliere il tipo e il modello migliore.

Per questo, nonostante sia un oggetto di uso quotidiano, soprattutto quando si passa ai modelli più tecnologici e moderni, è buona cosa informarsi e la lettura di questo sito guidastendibiancheria.it può rappresentare un valido aiuto nella scelta  finale.
Tra i tanti quesiti al momento dell’acquisto, uno è costante: quale è il peso massimo che si può stendere? In genere ci sono alcune barre di sostegno fate in materiali diversi e questo è importante per capire la portata dello stendibiancheria. Quelli da esterno, grandi, sono in acciaio e portano dai 2 ai 5 chili per asta. Quindi se il bucato è di 5 chili, tranquillizzatevi: la portata dell’intero stendibiancheria permetterà di posizionare il bucato senza rischi.

Ricordate però di fare attenzione a come li posizionate: i capi bagnati e stesi ad asciugare, pesano molto di più rispetto a quando sono asciutti. Inoltre distendete quanto più possibile il peso dei capi umidi o bagnati nonostante la centrifuga per non correre rischi di rottura delle aste di sostegno.